Chabarovsk, "la protesta dei coraggiosi"

Teatro di manifestazioni pacifiche incessanti ormai da giorni, il territorio di Chabarovsk nell'Estremo Oriente russo ha deciso di scendere in piazza in favore del governatore Sergej Furgal in quella che è stata definita "la manifestazione più considerevole della storia di Chabarovsk". 

Percorrendo la Transiberiana verso Oriente, dopo aver attraversato oltre 8.000 km di paesaggi sterminati e suggestivi, si raggiunge il luogo in cui il fiume Amur e l'Ussuri si uniscono per formare un unico corso d'acqua. È lì che sorge Chabarovsk, quella città sconosciuta ai più che da almeno una settimana è costantemente sulle prime pagine ovunque nella Federazione Russa e non solo.

Sono infatti giorni cocenti quelli che sta attraversando la parte più orientale del Paese dopo l'arresto del governatore del territorio di Chabarovsk, Sergej Furgal, adesso presso il centro di detenzione Lefortovo di Mosca. Lo scorso 9 luglio Furgal è stato arrestato con l'accusa di coinvolgimento in un gruppo criminale ed in tutta una serie di omicidi di uomini d'affari (tra i quali Evgenij Zori e Oleg Bulatov) avvenuti tra il 2004 e il 2005. Il capo d'accusa non è tuttavia statico, tanto che nei giorni scorsi si è parlato anche di attività criminali in ben tre regioni diverse dell'Estremo Oriente russo.

Ma partiamo dall'inizio. Chi è Sergej Ivanovič Furgal e perché è così ben voluto? Laureato in Economia ed esponente dell'ultranazionalista Partito Liberal-Democratico di Russia fondato da Žirinovskij, Furgal è parte integrante del tessuto politico del kraj di Chabarovsk fin dalla propria gioventù. La carriera per raggiungere la posizione di governatore del territorio, tuttavia, non è stata tutta rose e fiori. Infatti, già nel 2013 si era candidato perdendo contro Vyacheslav Shport di Russia Unita. La seconda volta, nel 2018, si era rivelata finalmente quella buona per conquistare la carica tanto agognata con quasi il 70% dei voti a scapito del governatore uscente riproposto per un nuovo mandato da Russia Unita. Interessante è la coincidenza dell'inizio del mandato di Furgal con lo spostamento della capitale del Circondario federale dell'Estremo Oriente da Chabarovsk a Vladivostok.

Ma come ha potuto l'arresto di un governatore mobilitare un quantitativo di gente come quella che abbiamo visto nei reportage e nelle foto dei giorni scorsi? Se volessimo fare una sorta di bilancio dell'operato di Furgal, scopriremmo che effettivamente, durante i due anni in carica, egli non ha apportato modifiche eccezionali alla situazione economica all'interno della regione. Anzi, se la volessimo raccontare tutta, negli ultimi due anni è aumentato il debito pubblico, sono peggiorate le condizioni di vita della popolazione e si è assistito ad ingenti flussi emigratori interni ed esterni.

E Furgal non è neanche il primo governatore ad essere posto sotto accusa all'interno della Federazione, come ad esempio era già successo nel 2016 con il governatore dell'Oblast' di Kirov, Nikita Belych. Eppure, è riuscito a raggiungere una popolarità tale, in particolare, grazie all'interazione diretta del governatore con gli abitanti della zona sia sui social che nella vita reale.

Sergej Furgal, goverantore del Chabarovskij kraj per il Partito Liberal-democratico di Russia (Foto - Правительство Хабаровского края)

Quello che non è affatto piaciuto alla popolazione locale è il modo in cui si è tenuto l'arresto. In molti vedono l'accaduto come un evento di matrice politica e non legato al passato di Furgal. E così sabato 11 luglio 2020 sono scesi in strada i primi manifestanti partendo proprio dalla piazza dedicata a Lenin, all'interno della quale risiedono gli uffici dell'amministrazione del governatore. Proteste che arrivano in un momento in cui le manifestazioni sono vietate in tutto il Paese a causa della pandemia in corso, che nel kraj di Chabarovsk ha già registrato quasi 6000 contagiati su una popolazione di poco più di un milione di persone.

Le prime stime ufficiali parlano di circa 12.000 manifestanti, ma c'è anche chi parla di oltre 60.000 persone in strada. Quello che è certo è che sicuramente si tratta di qualcosa di eccezionale tanto da essere stata definita "la manifestazione più considerevole della storia di Chabarovsk".

Immediata è stata la reazione del sindaco della città, Sergej Kravchuk, il quale si è subito mostrato contrario alle proteste e ha dichiarato che i manifestanti posseggono una doppia responsabilità: quella di aver organizzato una manifestazione di massa durante la pandemia e quella di aver messo a rischio la salute di milioni di persone senza utilizzare nessun dispositivo di protezione individuale.

Le proteste, seppur pacifiche e a colpi di cartelloni sotto lo slogan di "libertà per Furgal" (Zvobodu Furgalu), nascondono una realtà ben più complessa. Un manifestante ha raccontato a Deutsche Welle che quello che sta accadendo non riguarda solo Furgal, "ma l'atteggiamento disinteressato nei confronti di ogni singolo essere umano: è questo che ha scandalizzato le persone", aggiungendo poi che "il nostro potere, in particolare a livello federale, è sepolto dalla propria ipocrisia". Nikolaj Vladimirovič Petrov, direttore del Centro per gli studi geografici e politici della Scuola superiore di economia di Mosca, ha commentato con un "mi meraviglia che al Cremlino si meraviglino di tutto ciò".

Infatti, se le proteste di sabato 11 luglio avevano coinvolto soltanto la città di Chabarovsk, quelle dei giorni seguenti si sono sparse a macchia d'olio anche nelle località vicine come a Komsomol'sk-na-Amure. L'altra grande differenza tra la primissima manifestazione e le seguenti sta negli slogan utilizzati. Tra gli slogan dei giorni successivi al primo ne figurano anche di provocatori come "Mosca ascoltaci!" (Moskva uslyshish' nas!), "Vergogna Mosca" (Pozor Moskve) e addirittura "no al fascismo" (Fashismu net). E ovviamente Aleksej Naval'nij, attivista e leader del Partito del Progresso, non ha perso l'occasione per cavalcare l'onda delle proteste e gettare benzina sul fuoco sui social con tweet del tipo "Putin ha paura degli abitanti di Chabarovsk".

Bisogna anche tenere di conto del fatto che solo due settimane fa veniva approvata la riforma costituzionale all'interno della Federazione Russa, che nel territorio di Chabarovsk aveva registrato il 62,28% di voti a favore, mentre adesso lunghi cortei passano per le vie principali delle città al grido di "Putin dimettiti".

"A Chabarovsk è in atto un'esplosione politica". Il politologo Sergej Markov ha dato una spiegazione a tutto ciò. Il dissenso della popolazione deriva dallo scarso interesse di Mosca nei confronti della regione, dalla diminuzione dei programmi sociali, dal ritardo della regione rispetto alla vicina Cina, dalla burocrazia macchinosa e dalla criminalizzazione dell'economia. "Questa è la protesta dei coraggiosi", ha voluto concludere così Markov.[2]

La risposta a tutto ciò, almeno per il momento, è silenziosa. E così quelle lande troppo lontane, che in epoche diverse in molti hanno tentato di avvicinare al fulcro della vita russa, vanno ancora oggi alla deriva e rimangono abbandonate a sé stesse.

Non solo Curili: energia e affari tra Russia e Gia...
La sovranità prima dell'identità. La Russia e Sant...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Joe Biden Turchia Curili Nagorno Karabakh Nord Stream 2 Pamfilova Terre Rare Storia autocefalia Dmitrij Medvedev Siberia Patriarca Kirill Pietro il Grande Diritti civili Nagorno-Karabakh Società diritto tecnologia Gazprom Unione Europea Ksenija Sobčak Prigožin Afghanistan politiche energetiche scramble for Africa WC2018 Russia Welfare Cherchesov OPEC anti-liberalismo minoranza nazismo Smolensk elezioni presidenziali Clima Rosatom Demografia popolazione criptovalute Akinfeev Corea #russia Asia centrale Zelenskij Unione sovietica esercito Mondiali 2018 Università Italia Israele 1989 Democrazia Politica Cipro Gibilterra Katyn Bessarabia ISP #cina Tagikistan via della seta Nato Protocollo di Minsk bitcoin G7 Merkel WADA Eco Internazionale SergeJ Skripal Sudan Panslavismo Giappone Grigorij Javlinskij gasdotto spie Curdi Conte Vladivostok Difesa Islam Soft power 1941 reportage Cecenia #sanzioni #commercio Diritti umani Kazakhstan Austria #economia WCIOM ortodossia Informazione Krasnodar Asia Centrale Balcani Russiagate Guerra civile siriana Russia Unita Palestina Power of Siberia scenari politici Tusk Calcio Sondaggi Kortezh finanza Cronache di viaggio Relazioni internazionali droni Azerbaigian RussiaToday partiti Federazione Russa Kerč’ Asia Regime Change Beirut Costituzione Trump Tokayev green energy comunismo Medio Oriente Mare del Nord diritti Polonia spesa militare Sergej Baburin Runet Vladimir Putin Covid-19 Turkmenistan candidati Assad FIFA rete Germania Naval'nyj Battaglie storiche imperialismo Business Russia Maxim Surajkin Baku Passaporto Ara Venezuela Salman incidente Georgia spionaggio Kazakistan Montenegro Giornalismo migrazioni Krymskij most Aral LDPR Crimea Partito del Progresso Costituzione Russa Guerra El'cin Anatolij Sobčak Baltico monarchia Ecologia epidemie doping G8 Regno Unito Reagan Turismo Corea del Sud Brest-Litovsk Giovani Zurabishvili Sicurezza Macron sondaggi elettorali cooperazione SGC Sputnik Minsk Bielorussia Egitto religione Kirghizistan Santa Sofia Vaticano incendio Flame Towers governo russo Ucraina Banca centrale Seconda Guerra Mondiale Transnistria Arkadij Babcenko Stalin nord stream Politica estera summit Antisemitismo Eurasia Russkij Mir Sorge Theresa May boicottaggio liberalismo popoli PIL Occidente Cripto Valley spese militari oligarchi eroina geopolitica Baltici età dei torbidi Ideologia export armi Economia URSS Alessandro II Vladimir Žirinovskij Iran Golunov India Nenets Armi Putin TANAP coronavirus Romanov internet stalinismo gay Mar Baltico russkaja ulica Cremlino Serbia Papa Francesco Grande Gioco Astana Artico Siria Tripoli dazi americani Minchenko Group Consulting PCUS rivoluzione di velluto SCO Poroshenko Disarmo società Nikita Chruščëv Lituania jihad Biden Europa Oriente Lukashenko Parigi Gas naturale Mar Rosso tossicodipendenza frozen conflicts UE Vedemosti inchiesta Proteste Abcasia tradizioni FSB Donbass Armenia Pensioni Zakharova soft power politica interna Vostok18 Ungheria Olimpiadi Opposizione Kyrgyzstan propaganda Poltava Svetlana Tikhanovskaja Rocchelli Pavel Grudinin politica estera #asiacentrale Idlib estrema destra Kaczynski Azerbaijan nazionalismo sport terrorismo Rivoluzione Cantata Sanzioni Chabarovsk Moldavia K-19 Cina LIbano Elezioni Usa 2020 Nazarbayev Lavrov muro di Berlino Markiv Shoah Ucrainagate cultura Ricostruzione energia settore estrattivo Ambiente Estremo Oriente russofobia Kuznetsov Casa Bianca crisi trattato di pace opposizione politica Finlandia #silkbeltroad ebraismo #obor Chiesa Ortodossa Russa PCFR Peredača climate change lago Bajkal migranti Aleksej Naval'nyj Olocausto OPK Ossezia del Sud Estonia Roma migrazione Michele I Rublo Transiberiana Libia relazioni internazionali Uzbekistan Pashinyan elezioni Tajikistan Mediterraneo INF Lettonia Romania influenza petrolio Gorbačëv inquinamento separatismo Rosneft Chiesa ortodossa Mare nucleare Ilham Aliyev Istituzioni sviluppo Diplomazia Rojava nomadismo antiterrorismo caso Skripal estremismo Skripal corruzione DNS Gennadij Zjuganov 2024 militari Paesi Baltici Sobčak Kim interviste rivoluzioni colorate Pubblicazioni LGBT gas Referendum Jabloko Bruxelles questioni di genere Guerra fredda Usa Unione Svezia Cittadinanza Cernenko Levada San Pietroburgo lingua HIV Kiev Vladimir Putini Franco visita di Stato Eltsin Mondiali TAP S-400 Aliyev Caspio Saakashvili Riforme hacker Mosca Haftar troll Governo Caucaso Spagna Stati Uniti Trident Juncture 2018 Arabia Saudita ingerenze russe Francia Partito Comunista sanità opinione pubblica zar elezioni presidenzali Nigeria Midterm femminismo Macedonia ISIS Boris Titov Helsinki Marina Partenariato orientale L'Orso Polare proteste in Russia Africa opposizioni