Gazprom in affanno, Mosca in allerta?

Foto - RIA Novosti
Tra i numerosi e multiformi retaggi dell'epoca sovietica – spesso fonti di notevoli controversie o rivalutazioni storiche – ce n'è uno particolarmente significativo per la Russia odierna. A cavallo tra gli anni '70 e '80, i perlustratori della RSFS Russa si resero difatti conto che la vastissima regione siberiana e del Volga – storicamente considerata in gran parte un vulnus piuttosto che un punto di forza, in ragione della proverbiale rigidità climatica ed attaccabilità da parte degli imperi centro-orientali – pullulava di gas naturale
Si inaugurava così l'era della Russia come supergigante dell'energia e prendevano definitiva forma i due colossi di gas e petrolio della neo-nata Federazione el'ciniana: Lukoil e, soprattutto, Gazprom. Da allora, malgrado l'inevitabile ridimensionamento geopolitico cagionato dall'implosione dell'URSS, l'economia russa lato sensu è entrata in un connubio imprescindibile con le dinamiche energetiche, sia in termini di auto-sufficienza (russa) che in termini di etero-dipendenza (altrui, specie europea). 

Per riassumere: la Russia sta al gas naturale come l'Arabia Saudita sta all'oro nero. Comune è, peraltro, l'intento programmatico di entrambi gli Stati di diversificare le proprie economie, alla base di progetti come la Vision 2030 caldeggiata dal principe ereditario saudita Moḥammad bin Salmān.

​Appunto in ragione del suddetto legame, vale una forma adattata dell'antico proverbio greco: "se Gazprom piange, Mosca non ride". Per il momento, a dire il vero, la società che ha sede nell'avveniristico Lachta-centr di San Pietroburgo non sembra passarsela poi malissimo: nel 2019 ha registrato entrate nette per più di 110 miliardi $ – per lo più in linea con gli anni passati (dal rilevante calo nel 2014 sono andate via via crescendo) e profitti per 38,7 miliardi $ (+1,1% rispetto al 2018). 

I problemi sono arrivati, prevedibilmente, in concomitanza con il lockdown semi-globale per far fronte alla pandemia da Covid-19, il quale ha scombussolato l'intero mercato energetico oltreché la società umana tutta. L'utile netto del primo semestre del 2020 ha fatto registrare un crollo titanico: dagli 11 miliardi di inizio 2019 ai 447 milioni $ del periodo gennaio-giugno di quest'anno – ben venticinque volte di meno. Fisiologica conseguenza, questa, di prezzi più bassi e di un calo di domanda (e vendite) in quel giardino dell'Eden del gas russo che è l'Europa – con una domanda contrattasi del 16% su base annuale nel Vecchio Continente. A ciò si aggiunga che i produttori russi sono stati colpiti dal fuoco incrociato della svalutazione del rublo. Ciononostante, a Gazprom tengono a far presente come, pur nelle intemperie pandemiche, il gruppo sia riuscito a "tenere" meglio di molti altri competitors – il che è sostanzialmente vero ed è spiegabile alla luce del suddetto fenomeno di etero-dipendenza, che "permea", tra gli altri, il controverso dibattito sul gasdotto Nord Stream 2.

Panoramica di un impianto a Saratov (Foto - DMyshkin)

A fronte di una risalita dei prezzi di petrolio e gas (l'oil benchmark russo Urals è oggi scambiato a 44-45$ al barile, a fronte dei 16,55 di aprile), il futuro rimane tuttavia estremamente incerto per gli operatori del settore – Gazprom inclusa. Come spiega l'analista di questioni energetiche Aleksandr Sobko su RIA Novosti, sebbene l'ambito energetico sia caratterizzato da ciclicità – riflettendosi il calo della domanda e dei prezzi in una diminuzione degli investimenti a medio-lungo termine, che in futuro influenzerà l'offerta e porterà ad un aumento dei prezzi del petrolio – la crisi attuale è significativamente diversa da quelle precedenti. È verosimile aspettarsi una ripresa molto lunga della domanda a causa della promozione di fonti di energia rinnovabile – specie nel mercato preferito dai russi: l'Europa, il che fa il paio con scorte globali già di per sé enormi, accumulate nel periodo primaverile. 

Senza investimenti, la produzione cala, e meno petrolio viene estratto, più diventa caro. Comunque, "le aziende russe hanno un certo margine di sicurezza a causa di un carico fiscale piuttosto elevato, che, qualora il worst-case scenario dovesse prendere forma, può essere ridotto", afferma Sobko, che aggiunge che Gazprom e co. "sarebbero ovviamente in parte a rischio se continuassero a mantenere alto il livello di investimento". Tuttavia, aggiunge, "la ricompensa sarà probabilmente un profitto aggiuntivo per un periodo di tempo più lungo, sia per il budget che per le aziende stesse. In questo caso le società, difatti, sottrarranno tali profitti ai colleghi occidentali, che hanno paura (a prescindere dai rischi o dall'opinione pubblica) di investire nella produzione petrolifera."

Nessuno scenario apocalittico all'orizzonte, ma al Cremlino sono consapevoli che il combinato disposto dell'ambiguità europea – sia nella ricerca di approvvigionamenti alternativi sia nelle controversie sui progetti infrastrutturali – e l'imprevedibilità del mercato Oil&Gas sono un male necessario, cui però si potrebbe far quantomeno fronte con un ambizioso progetto di diversificazione economica. Svincolarsi parzialmente dallo strumento che ha permesso alla Russia, assieme alla potenza militare, di rivendicare un ruolo da superpotenza globale non sarà facile, ma il tempo delle decisioni incombe sul Cremlino.

L'orso e la tigre: il partenariato privilegiato tr...
No, la Bielorussia non è l’Ucraina

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Bruxelles Svezia anti-liberalismo Zurabishvili Covid-19 Rocchelli Peredača Svetlana Tikhanovskaja Balcani Calcio liberalismo migranti eroina Bessarabia Siberia sport Business Russia export armi Uzbekistan cooperazione FSB #economia Caucaso Gibilterra Riforme Informazione Crimea Astana cultura popoli Guerra fredda Anatolij Sobčak Giovani Panslavismo diritti Istituzioni Cronache di viaggio Francia incidente Azerbaigian Macron Macedonia FIFA Aleksej Naval'nyj Trident Juncture 2018 G7 Partito Comunista Chiesa ortodossa Minsk Cittadinanza Romania Chabarovsk stalinismo LIbano Finlandia Spagna Helsinki spese militari minoranza Donbass Pubblicazioni Serbia Sergej Baburin Federazione Russa Turkmenistan Passaporto Shoah opposizioni internet Gas naturale tradizioni Montenegro Aral Mondiali Partenariato orientale Midterm URSS lago Bajkal nucleare Kazakistan scenari politici Artico Asia Centrale Gazprom via della seta Lettonia politica estera troll Kerč’ tossicodipendenza Putin #silkbeltroad Curdi Azerbaijan Nagorno-Karabakh Armi Unione sovietica Difesa Minchenko Group Consulting Ucrainagate San Pietroburgo Akinfeev Cernenko Tusk candidati Clima Sputnik WCIOM Arabia Saudita Parigi 1941 gay Società Pensioni INF Katyn Corea del Sud partiti Vladimir Žirinovskij TAP Cipro Diritti civili Olimpiadi inchiesta Transnistria comunismo LDPR antiterrorismo Eurasia G8 coronavirus Roma nomadismo Grigorij Javlinskij Levada Bielorussia Vladivostok dazi americani Vostok18 Trump inquinamento settore estrattivo Ricostruzione Storia Franco Papa Francesco Unione Europea Krymskij most relazioni internazionali Opposizione elezioni presidenziali politiche energetiche OPEC Nato Jabloko HIV geopolitica Tagikistan Sondaggi Africa proteste in Russia Vladimir Putini Pashinyan Markiv Russia elezioni Kyrgyzstan questioni di genere diritto boicottaggio Turismo SergeJ Skripal Mediterraneo Caspio Rojava Partito del Progresso Stalin Assad Seconda Guerra Mondiale Russiagate Saakashvili Israele corruzione finanza Mosca nazionalismo separatismo Egitto femminismo Baltici Europa Ungheria Referendum Power of Siberia ortodossia Austria Nigeria nord stream Paesi Baltici Kazakhstan PCFR Proteste summit gasdotto Usa sanità Chiesa Ortodossa Russa Antisemitismo Protocollo di Minsk #russia Skripal Cremlino Moldavia Zelenskij energia ISP Diritti umani Pietro il Grande Giappone Costituzione Gennadij Zjuganov Rivoluzione Cantata estrema destra rete Germania Mare del Nord incendio doping Kim Relazioni internazionali ingerenze russe Kiev Runet Turchia Libia criptovalute petrolio Cecenia Ucraina Islam Romanov Medio Oriente Afghanistan Lituania russofobia Asia Idlib Disarmo religione Estonia Diplomazia Vaticano Ambiente sviluppo #cina Unione Merkel rivoluzione di velluto DNS influenza Haftar Michele I S-400 Siria propaganda Kortezh Naval'nyj Grande Gioco Occidente Elezioni Usa 2020 Stati Uniti imperialismo RussiaToday spie Italia SCO età dei torbidi Beirut 1989 Ecologia Ksenija Sobčak Russkij Mir OPK Boris Titov Rosneft Banca centrale K-19 caso Skripal SGC Baku Asia centrale Mar Baltico Olocausto migrazioni Ara Baltico esercito Smolensk El'cin Armenia Curili epidemie Rosatom Brest-Litovsk PCUS Salman Oriente Sanzioni russkaja ulica Lavrov Pavel Grudinin Conte Kuznetsov trattato di pace LGBT Università Cina Democrazia Economia muro di Berlino Demografia elezioni presidenzali Nenets Prigožin Tokayev Politica Estremo Oriente Flame Towers ISIS Governo Maxim Surajkin terrorismo Marina Iran TANAP Welfare sondaggi elettorali #asiacentrale Nazarbayev Russia Unita Poroshenko Kaczynski Soft power India WADA gas #obor Guerra civile siriana oligarchi Abcasia Vladimir Putin Guerra #sanzioni visita di Stato nazismo Regime Change monarchia Mare autocefalia Reagan Vedemosti Santa Sofia reportage Dmitrij Medvedev green energy Eltsin spesa militare soft power Terre Rare Krasnodar WC2018 Sorge Tripoli governo russo jihad rivoluzioni colorate Tajikistan Giornalismo crisi Sicurezza Corea Golunov Georgia 2024 Patriarca Kirill UE Politica estera Venezuela scramble for Africa Polonia climate change Arkadij Babcenko Mondiali 2018 zar Casa Bianca bitcoin opinione pubblica Sobčak lingua #commercio Ossezia del Sud Nikita Chruščëv PIL Theresa May Poltava società politica interna Eco Internazionale Cripto Valley Kirghizistan Battaglie storiche Gorbačëv Ilham Aliyev opposizione politica Cherchesov estremismo Alessandro II Lukashenko Costituzione Russa Transiberiana