Welcome to Londongrad

La chiamano Londongrad e non è una serie televisiva inglese (sebbene ne esista una omonima mandata in onda dalla rete russa CTC nel 2015), bensì il nome dato a Londra a causa dei tanti russi che hanno scelto di vivere sul Tamigi. Ma quanti sono davvero?

Alcuni sostengono siano oltre 300.000, tra immigrati nati in Russia e quelli di seconda generazione, tuttavia non si dispone di dati ufficiali. Secondo un documento dell'Office National Statistics, i cittadini nati in Russia, e attualmente residenti a Londra, sarebbero almeno 166.000, mentre il The Guardian, in un articolo del 2014, aveva dichiarato che questi si aggirassero intorno ai 150.000.

Quel che è certo è che il fenomeno dell'immigrazione russa in Inghilterra non è nuovo e ha interessato, anche se in forma minore, il Galles, la Scozia e l'Irlanda del Nord.

La prima grande ondata è avvenuta nel 1917, dopo gli sconvolgimenti della rivoluziona russa, mentre la seconda, che è quella di nostro interesse, si è propagata nel 1991. In seguito alla fine dell'Unione Sovietica, infatti, ricchi uomini d'affari, imprenditori e magnati si trovarono con a disposizione un'ingente ricchezza e la necessità di dover lasciare il proprio Paese.

Le ragioni per cui Londra divenne la seconda capitale per i russi sono molteplici. Oltre al desiderio di nuove opportunità, la stima per un sistema politico-economico che incoraggiava la proprietà privata, l'alta qualità dell'istruzione e un apparato giudiziario tra i più solidi rendevano Londra il vero e proprio centro finanziario perfetto per assorbire quelle enormi ricchezze.

Questo fenomeno ha generato un'intensa relazione, che a tratti potremmo definire tossica, tra la Gran Bretagna e i capitali russi

Londra, infatti, non solo è diventata uno dei principali beneficiari dei capitali russi, dopo il 1991, ma avrebbe anche mostrato una certa indulgenza nei confronti del denaro proveniente da operazioni di riciclaggio. Si è creato quindi un legame indissolubile, tra Mosca e Londra, che ha finito per plasmare la variegata società britannica.

I russi insediatasi a Londra, agli inizi degli anni Novanta, hanno acquistato immobili a Knightsbridge, yacht e frequentato i saloni di abbigliamento di Sloane Street. La loro presenza, ed i loro sfarzi, sono stati per anni descritti con tratti particolarmente caricaturali. Tuttavia, la percezione di estraneità verso quella comunità, così distante dalla cultura britannica, ha lasciato lentamente il passo a un processo di piena integrazione. I loro figli, infatti, oggi appartengono all'alta società britannica, sono clienti abituali di Hanley, Ascot e Annabel, frequentano i locali più in voga e godono di un forte seguito sui social.

Il Regno Unito ha mantenuto un certo appeal negli anni, incentivato da iniziative avviate dallo stesso Governo britannico. Un esempio è l'istituzione del visto per investitori, chiamato il "visto d'oro", che consente ai candidati selezionati di risiedere nel Regno Unito in cambio di un investimento di 2 milioni £ sottoforma di titoli di Stato. 

Londra è stata incoronata come località prediletta dall'alta società russa, anche da una recente ricerca pubblicata da Forbes Russia sui 200 uomini più ricchi del Paese. Secondo lo studio, infatti, dopo Mosca la seconda città più popolare sarebbe proprio Londra, che gode della presenza di figure economicamente influenti: Mikhail Fridman, il comproprietario di Alfa Group e il suo socio Aleksej Kuzmichev; i fondatori della società di videogiochi Playrix, Dmitrij e Igor Bukhman, quest'utlimo anche ideatore della piattaforma di incontri Badoo; il fondatore di Tinkoff Bank, Oleg Tinkov; l'ex proprietaria della società di sviluppo Inteko, Elena Baturina; il fondatore di Revolut, una nota società di tecnologia finanziaria, Nikolaj Storonskij, e il proprietario della società produttrice di alcolici SPI Group, Jurij Shefler.

Tra le ragioni principali, emerse dall'indagine, ci sono: questioni fiscali, come il tentativo di evitare le tasse; motivazioni di tip​o legale, o eventuali tensioni con le autorità che cercano di ostacolare le attività imprenditoriali.

Inoltre, secondo i media nazionali russi, i ricchi connazionali sarebbero i principali acquirenti degli immobili di grande valore e possiederebbero oltre un terzo di tutto il patrimonio immobiliare venduto a Londra. Ovviamente la loro scelta ricade sui quartieri elitari come Kensigton, Chelsea, Belgravia e Mayfair.

Tuttavia risulta evidente, soprattutto negli ultimi anni, l'allargamento del fenomeno migratorio verso il Regno unito anche ai cittadini a reddito medio e senza nessun legame con la vita politica o finanziaria russa.

L'annessione alla Crimea e le tensioni con l'Ucraina, in particolare, hanno dato vita a un terzo flusso migratorio, diverso dai precedenti, e fatto di gente comune. Questi nuovi migranti hanno aperto le braccia alla cultura britannica e molti hanno deciso di investire nel Paese che li ha ospitati avviando attività imprenditoriali, nonostante non avessero esperienze precedenti.

Del resto, la storia ci ricorda che i due Paesi godono di un forte legame storico che emerge in particolare tra le famiglie reali britanniche e gli zar russi. Basta dare un'occhiata infatti alla famiglia reale inglese per lasciar emergere la discendenza con i membri della Casata dei Romanov, che guidò la Russia dal 1613. Tra loro sono presenti: Maria Vladimirovna Romanov (Granduchessa di Russia e pronipote di Alessandro II); il Principe Filippo (Duca di Edimburgo) che è addirittura un nipote dell'ultima zarina, Alexandra, e un pronipote di Nicola I. È evidente dunque come da questo legame ne derivi che Carlo e i figli, William e Harry, siano imparentati con i Romanov.

Un esempio che, forse, ci ricorda non solo che l'identità di un Paese, e la sua cultura, sono sempre il prodotto del suo lungo percorso storico, ma anche che il denaro, come il potere, da sempre non conosce confini. 

Cittadinanza e soft power, la diaspora nella geopo...
Lukashenko, resa condizionata in arrivo?

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Rosneft Putin Lukashenko Kortezh Welfare Ilham Aliyev energia comunismo Elezioni Usa 2020 Krasnodar minoranza Aral Flame Towers Brest-Litovsk HIV scenari politici zar India K-19 Italia opposizione politica Transnistria Rivoluzione Cantata corruzione UE Vladimir Žirinovskij sanità Transiberiana Terre Rare società rivoluzioni colorate Svetlana Tikhanovskaja Partito Comunista diritti LGBT popoli Runet climate change Mar Rosso sviluppo G7 Austria inquinamento spesa militare Tajikistan Cherchesov Nenets Governo Mosca S-400 Idlib terrorismo Venezuela Roma Gibilterra Gas naturale crisi Cina L'Orso Polare Katyn Regime Change Cittadinanza Assad Aleksej Naval'nyj cooperazione Corea ISP Ambiente Macedonia Mondiali 2018 Nagorno-Karabakh Storia rete Sondaggi Società incendio Usa interviste anti-liberalismo Ucraina Santa Sofia Peredača Moldavia internet Russia Golunov Occidente ingerenze russe separatismo finanza Afghanistan spie Ecologia Franco Helsinki jihad sport Grigorij Javlinskij FSB Tripoli tecnologia Jabloko Casa Bianca Kazakistan religione G8 Ucrainagate politica interna ortodossia Joe Biden Giovani Krymskij most cultura Crimea Giornalismo troll Pietro il Grande Azerbaijan migrazione Francia Serbia spese militari Azerbaigian WC2018 Libia tradizioni Europa estremismo Israele #cina Vedemosti criptovalute Bessarabia gay Vaticano Business Russia Panslavismo #sanzioni Asia Michele I Ossezia del Sud Seconda Guerra Mondiale Partito del Progresso nazionalismo Kim Stalin Lavrov Università Eco Internazionale SCO opinione pubblica Abcasia Chiesa Ortodossa Russa El'cin partiti Saakashvili Gazprom Sputnik estrema destra Sorge Corea del Sud Maxim Surajkin Bielorussia Trident Juncture 2018 Politica estera Rojava Cripto Valley Banca centrale #economia Sobčak Finlandia 1941 PIL nucleare Zakharova elezioni Vostok18 coronavirus Papa Francesco Guerra Cremlino incidente Oriente Economia Lettonia Minchenko Group Consulting Soft power Grande Gioco DNS Kyrgyzstan Vladivostok Merkel tossicodipendenza nomadismo Conte Russkij Mir elezioni presidenzali Vladimir Putin Armenia politiche energetiche Relazioni internazionali Olimpiadi imperialismo frozen conflicts eroina WCIOM Pashinyan Antisemitismo Sergej Baburin Riforme Federazione Russa sondaggi elettorali Alessandro II Artico Nagorno Karabakh Curdi Dmitrij Medvedev Ksenija Sobčak Giappone russofobia Beirut gas #russia #commercio Nikita Chruščëv Guerra civile siriana Baltico droni Theresa May Gennadij Zjuganov 2024 export armi lingua LIbano Baku TAP Passaporto #asiacentrale dazi americani opposizioni età dei torbidi Donbass antiterrorismo Curili nazismo Covid-19 Lituania Vladimir Putini Protocollo di Minsk 1989 Svezia Astana Armi monarchia Kazakhstan Kuznetsov relazioni internazionali governo russo reportage esercito Tokayev petrolio femminismo Egitto Turkmenistan Siberia Midterm URSS Kirghizistan Mediterraneo San Pietroburgo LDPR Mondiali Rocchelli Prigožin Nazarbayev Islam spionaggio rivoluzione di velluto SGC Romanov candidati soft power Iran #silkbeltroad Regno Unito influenza Pensioni Olocausto Demografia Zelenskij Aliyev Disarmo Salman INF Palestina Smolensk Partenariato orientale Asia centrale Trump Russiagate Mar Baltico Battaglie storiche Akinfeev PCUS Pamfilova Estremo Oriente trattato di pace Informazione Arabia Saudita Cosacchi muro di Berlino migrazioni Estonia Turismo SergeJ Skripal PCFR Ricostruzione Boris Titov stalinismo doping Georgia Diritti umani visita di Stato Unione green energy questioni di genere Rublo politica estera Kerč’ Diritti civili ebraismo Levada scramble for Africa Calcio Reagan popolazione Turchia Haftar Ara Baltici liberalismo settore estrattivo Diplomazia Chiesa ortodossa diritto Ideologia lago Bajkal Minsk Eltsin Clima Ungheria Marina Montenegro elezioni presidenziali Pubblicazioni via della seta Spagna Costituzione Russa propaganda FIFA WADA Skripal Difesa oligarchi Cronache di viaggio Mare Naval'nyj Caspio Poltava Romania Unione Europea Mare del Nord RussiaToday Cipro Bruxelles Politica Germania Markiv Opposizione epidemie Patriarca Kirill Parigi OPK Proteste Tusk Democrazia nord stream Polonia boicottaggio Balcani Cecenia Eurasia proteste in Russia Sicurezza Pavel Grudinin Sudan Russia Unita Referendum inchiesta bitcoin Nord Stream 2 Siria Gorbačëv ISIS militari TANAP summit Nigeria Kiev caso Skripal Cernenko Nato Caucaso Shoah Poroshenko Zurabishvili Kaczynski russkaja ulica hacker Uzbekistan Biden Anatolij Sobčak Istituzioni Africa Unione sovietica Costituzione Medio Oriente Sanzioni #obor geopolitica Guerra fredda Chabarovsk Rosatom gasdotto Asia Centrale migranti autocefalia Tagikistan Stati Uniti Arkadij Babcenko Macron Power of Siberia Paesi Baltici OPEC